PROCOL HARUM: LA STORIA DEL ROCK

Nel 1967 nascono i Prpcol Harum, in cui suonano musicisti già con un passato musicale niente male. Nel Maggio dello stesso anno esce uno dei più grandi singoli di successo internazionale ” A whiter Shade Of Pale” raggiungendo i primi posti in quasi tutte le classifiche mondiali. Anche se il successo lo devovo condividere con l’appoggio di alcuni sessionmen, tra i quali Harrison e Royer. Il successo si ripete con ” Homburg” , la loro musica è un poprock con inserimenti di dolce armonia classica di organo. All’inizio degli anni settanta, anche se non sembra ripetersi il successo precedente, fanno delle belle incisioni, voglio ricordare quella dedicata a Jimi Hendrix ” Song For A Dream” scritto da Robin Trower che da lì a poco dopo lascierà il gruppo per intrarprendere una carriera da solista. Gli anni a seguire la band si evolve in musica sempre poprock ma con tendeze orchestrali, fanno molti concerti in giro con un buon successo di pubblico. Dal 1973 il gruppo rripercorre un po il loro stile del passato con buone uscite musicali: Partecipano al concerto di chiusura del Raimbow Theatre, dopo un paio d’anni il gruppo si scioglie. Dopo la Morte di un di loro ” B:J: Wilson” nel 2003 si riunisco per incidere un ultimo LP ” The Well’s On Fire”.

 

Formazione

  • Gary Brooker: Voce principale, pianoforte
  • Matthew Fisher: Organo Hammond, voce
  • Ray Royer: Chitarra, voce
  • Bobby Harrison: Batteria
  • Bill Eyden: Batteria (solo per A whiter shade of pale)

Discografia:

33 giri:

* 1967 – Procol Harum

* 1968 – Shine on Brightly

* 1969 – A Salty Dog

* 1970 – Home

* 1971 – Broken Barricades

* 1972 – Procol Harum

* 1973 – Grand Hotel

* 1974 – Exotic Birds and Fruit

* 1975 – Procol’s Ninth

* 1976 – Rock roots

* 1977 – Something Magic

* 1991 – The Prodigal Stranger

* 1995 – The Long Goodbye

* 2003 – The Well’s on Fire

* 2007 – Secrets of the Hive

 

45 giri:

* 1967 – A whiter shade of pale/Lime street blues

* 1967 – Homburg/Good captain clack

* 1968 – Il tuo diamante/Fortuna

* 1968 – Quite Rightly So/In The Wee Small Hours Of Sixpence

* 1969 – A salty dog/Long gone geek

* 1972 – A whiter shade of pale/A salty dog

* 1974 – Repent valpurgis/Kaleidoscope

* 1977 – A whiter shade of pale/Homburg

 

I Procol Harum in italiano:

Anno Titolo originale Titolo italiano Autore del testo in italiano Esecutori

1967 A whiter shade of pale Senza luce Mogol Dik Dik, Wess, Fausto Leali

1967 Homburg L’ora dell’amore Daniele Pace Camaleonti, Ricky Gianco, Le macchie d’inchiostro

1967 Homburg C’è una strada Diabolici, I Delfini; testo diverso da L’ora dell’amore

1968 Shine on brightly Il tuo diamante Mogol Procol Harum

1968 Something following me Cieli azzurri Paolo Limiti Uh!

1969 A salty dog Il marinaio Mogol Beans, Massimo Ranieri, I Fratelli

1969 A salty dog I giorni son lunghi Mogol I Beati; testo diverso da Il marinaio

1998 A rum tale Storia di una bottiglia Mimmo Locasciulli Mimmo Locasciulli

2006 A salty dog Nel così blu Zuzzhero, pasquale pannella Zucchero


Curiosità:

L’asteroide 14024 Procol Harum è stato battezzato così in loro onore.


Bibliografia:

  • Riccardo Bertoncelli, Marco Fumagalli e Manuel InsoleraIl pop inglese, Arcana Editore, Roma, maggio 1974
  • Nick Logan e Bob WoffindenEnciclopedia del rock, Fratelli Fabbri Editori, Milano, 1977
  • Riccardo BertoncelliEnciclopedia rock. Anni ’70, Arcana Editore, Milano, 1987

1.jpeg2.jpeg3.jpeg

PROCOL HARUM: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2009-09-02T10:53:00+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento