AMERICA: LA STORIA DEL ROCK

Si formano a Londra nel 1969, figli di militari americani in servizio in inghilterra, influenzati dalla musica di Crosby, Still, Nash e Yong, si fanno conoscere nel 1970 e l’anno dopo raggiungono il successo con il singolo ” A horse with no name” che rimarrà in classifica in tutto il mondo per molto tempo. Nel 1974 iniziano a collaborare con il produttore George Matin, incidendo 6 album. Nel 1976 Da Peek lascia il gruppo che rimane un duo, gli anni seguenti la band mostra carenza di rinnovamento e nuovi testi. Il 1980, segna il concerto molto contestato della band in Sud Africa, in netto contrasto con l’apartheid. Partecipano anche ad un festival di Sanremo, con poco successo commerciale. La popolarità che avevano ottenuto nei primi anni di carriera si fà sempre meno, qualche timido concerto e un revival nel 2002 inciso nel periodo natalizio.

Discografia

  • 1972 – America
  • 1972 – Homecoming
  • 1973 – Hat Trick
  • 1974 – Holiday
  • 1975 – Hearts
  • 1975 – History: America’s Greatest Hits
  • 1976 – Hideaway
  • 1977 – Harbor
  • 1977 – America Live
  • 1979 – Silent Letter
  • 1980 – Alibi
  • 1982 – A View from the Ground
  • 1982 – The Last Unicorn (colonna sonora)
  • 1983 – Your Move
  • 1984 – Perspective
  • 1985 – In Concert
  • 1991 – Encore: More Greatest Hits
  • 1992 – Ventura Highway & Other Favorites
  • 1994 – Hourglass
  • 1995 – King Biscuit Flower Hour
  • 1996 – You Can Do Magic
  • 1996 – The Best of America – Centenary Collection
  • 1998 – Human Nature
  • 2000 – Highway 30 Years of America (box set)
  • 2002 – Holiday Harmony
  • 2002 – The Grand Cayman Concert
  • 2002 – Complete Greatest Hits
  • 2007 – Here & Now (doppio CD)

Formazione

  • Gerry Beckley (nato il 12 settembre 1952 a Fort Worth, Texas)
  • Dewey Bunnell (nato il 19 gennaio 1951 a Harrogate, Yorkshire, Inghilterra)
  • Dan Peek (nato il 1 novembre 1950 a Panama City, Florida)
a.jpeg
AMERICA: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2009-10-15T23:52:00+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento