BRAND X: LA STORIA DEL ROCK

Phil collins si diletta nel doppio ruolo di batterista con i Genesis e nello stesso tempo nei Brand X nel 1976. La musica, è diversa da quella dei Genesis, infatti è un pop rock jazz, e del tutto rispetto si esprimono come i migliori di quel genere in quel periodo, nonostante che commercialmente riscuotono meno del dovuto. In cambio la soddisfazione arriva dal pubblico sempre molto afflunte nei loro concerti dal vivo. Dopo tre album, Collins lascia il gruppo, sostituito da Chuck Burghi ( ex di Al Dimeola. Interessante, fra tutte le incisioni, è il live registrato a New York nel 1979. Successivamente, a varie cambiamenti di formazioni, il solo Goodsall continuerà con altri musicisti a proseguire con il marchio Brand X, dal 1999 non risultano nuove incisioni, ma solo riedizioni incise.

Discografia

 

* Unorthodox Behaviour (1976)

* Moroccan Roll (1977)

* Masques (1978)

* Product (1979)

* Do They Hurt? (1980)

* Is There Anything About? (1982)

* Xcommunication (1992)

* Manifest Destiny (1997)

* Missing Period (recorded 1975-1976, released 1997)

 

Live

 

* Livestock (1977)

* Live at the Roxy LA (1979, released 1996)

* Timeline (2000)

 

Compilation

 

* X-Trax (1986)

* The Plot Thins: A History of Brand X (1992)

* A History 1976-1980 (1997)

* X-Files: A 20 Year Retrospective (1999), compilation including side projects

* Trilogy (2003)

* Macrocosm: Introducing…Brand X (2003)

 

Formazione:

 

Phil Collins batteria

Percy Jones basso

Robin Lumley tastiere

Morris Pert Percussioni

John Goodsall Chitarra

bra.jpegbran.jpegbrand.jpeg

 

 

 

 

 

 

 


BRAND X: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2009-10-17T21:39:00+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento