SHERYL CROW: LA STORIA DEL ROCK

Sheryl nasce nel 1962 in U.S.A. inizia la sua carriere musicale in un tour come corista di Michael Jackson. Collabora con altri musicisti e nel 1992 incide il suo primo album. Molti concerti dal vivo gli danno fama, famoso quello con Eric Clapton nel 1996. La sua musica accattivante e sensuale impegnata su testi di critiche e moralita sociale in chiave pop rock. Per un paio d’anni forma un suo gruppo ma non gli dà quelle soddisfazioni di sempre, quindi continua da solista.

Nel febbraio 2006 le è stato diagnosticato un cancro al seno, fortunatamente nelle fasi iniziali. Dopo aver subito un’operazione chirurgica, è stata sottoposta ad una terapia a base di radiazioni per circa tre mesi, a cui è seguito un breve periodo di riposo. L’eccellente prognosi le ha permesso di ritornare sul palco già a maggio, annunciando fra le altre cose due tour negli Stati Uniti: uno estivo da solista (12 giugno – 9 luglio) ed un secondo in compagnia di John Mayer.

Curiosità: il disco Live at Budokan è ispirato alla relazione con il ciclista Lance Armstrong.

  • Photo

    Tuesday Night Music Club (Deluxe Edition)

    2009

    • Detours

      2008

    • Wildflower

      2005

    • The Very Best Of

      2003

    • Hard Candy

      2002

    • C’mon C’mon

      2002

    • A Tribute to Sheryl Crow

      2002

    • Sheryl Crow & Friends: Live From Central Park

      1999

    • Wonder from a Quarter Acre

      1998

    • A Gift Before I Go

      1998

    • Freelance Bubblehead

      1998

    • The Globe Sessions

      1998

    • Sheryl Crow

      1996

    • Tuesday Night Music Club

      1993

 

Singles

  • So Glad We Made It

    2008

    • Shine Over Babylon

      2008

    • Love Is Free

      2007

    • Always On Your Side

      2006

    • Good Is Good

      2005

    • Perfect Lie

      2005

    • The First Cut is the Deepest

      2003

    • If It Makes You Happy

      1996

SHERYL CROW: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2009-11-25T07:32:00+01:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento