JOE COCKER: LA STORIA DEL ROCK

Vero nome John Robert Cockers nato a Shellield in Inghilterra. Inizia come batterista nei Cavalliers che poi diventerà il cantante nei Vance Arnold & The Avengers nel 1963. Ha una prima possibilità come solista in un tour come spalla ai Manfred Mann, ma è un fallimento. Forma un suo gruppo ” Grease Band e si fanno notare nei locali migliori inglesi. L’anno seguente arriva il successo con With a littke help from my friend, canzone dei Beatles, che sa arrangiare in modo magistrale, era il 1968. Da qui in poi la carriera è un successo dopo l’altro, ricordiamo la partecipazione al festival di Woodstock, registrato con Jimmi Page, Albert Lee e Steve Winwood. I concerti si susseguono freneticamente ed è costretto per un certo periodo a ritirarsi dalle scene per motivi di salute. Passa anche qualche guaio con la droga dove viene anche arrestato in Australia. Torna sulle scene nel 1978 con la American Strand Band, ottenedo la vetta delle classifiche nel 1982 con il grande successo ” Where We Belong”, inserito nel film ” Ufficiale e Gentil’uomo”. Nei anni a seguire la creatività si fà un po’ meno, però i successi non mancano. Ormai è un personaggio della storia del rock.

 

 

Discografia

 

* With A Little Help From My Friends (1969)

* Joe Cocker! (1969)

* Mad Dogs & Englishmen (1970)

* Cocker Happy (1971)

* Something to Say (1973)

* I Can Stand a Little Rain (1974)

* Jamaica Say You Will (1975)

* Stingray (1976)

* Greatest Hits (1977)

* Luxury You Can Afford (1978)

* Sheffield Steel (1982)

* Civilized Man (1984)

* Cocker (1986)

* Unchain My Heart (1987)

* One Night Of Sin (1989)

* Joe Cocker Live (1990)

* Night Calls (1991)

* The Best Of Joe Cocker (1992)

* Have A Little Faith (1994)

* The Long Voyage Home (1995)

* Organic (1996)

* Across From Midnight (1997)

* The Anthology (1999)

* No Ordinary World (1999)

* Respect Yourself (2002)

* Heart & Soul (2004)

* Hymn for My Soul (2007

joe.jpegjoec.jpegjoeck.jpeg

 


 

 

 

 

JOE COCKER: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2010-03-20T21:06:00+01:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento