CHICHEN SHACK: LA STORIA DEL ROCK

Nati nel 1965, solo alcuni anni dopo nel 1969 ottengono un discreto successo entrando in classifica con I’ d rather go blind. Nello stesso periodo Christine Perfect lascia il gruppo per seguire il marito John McVie nei Fleetwood Mac. Questo fatto segna il declino della band che con la voce femminile caratterizzava lo stile e la musica. Buone le apparizioni nei concerti dal vivo e dopo continue cambi di formazione nel 1973 il gruppo si scioglie.

Curiosità: Webb era solito a suonare in mezzo al pubblico con un cavo lunghissimo che raggiungeva gli amplificatori.

 

Albums

 

* 40 Blue Fingers, Freshly Packed and Ready to Serve (1968), Blue Horizon –

* O.K. Ken (1969), Blue Horizon –

* 100 Ton Chicken (1969), Blue Horizon

* Accept (1970), Blue Horizon

* Imagination Lady (1972), Deram

* Unlucky Boy (1973), Deram

* Goodbye Chicken Shack (Live) (1974), Deram

* Double (1977), Deram

* Stan the Man (1977), Nova

* That’s the Way We Were (1978), Shark

* The Creeper (1978), WEA

* Chicken Shack (1979), Gull

* In the Can (1980), Epic Records

* Roadies Concerto (Live) (1981), RCA Records

* Simply Live (Live) (1989), SPV (Germany)

* On Air (BBC sessions) (1998), Strange Fruit Records

* Black Night (1999), (as Stan Webb’s Chicken Shack)

* Still Live After All These Years (2004), Mystic

* Webb (2001)

* Stan The Man (2002), compilation album

* Stan Webb (2004)

* Going Up, Going Down-Anthology (2004)

* Poor Boy/the Deram Years (2006), (as Stan Webb’s Chicken Shack)

* Strange Situations/The Indigo (2006), (as Stan Webb’s Chicken Shack)

 

Singoli

 

* “I’d Rather Go Blind” (1969), Blue Horizon – UK Singles Chart –

* “Tears in the Wind” (1969), Blue Horizon –

 

Formazione

 

Stan Webb chitarra voce

Christine Perfect voce

Andy Sylvester basso

Dave Bidwell batteria

Paul Raymond tastiere

 

chi1.jpegchi2.jpegchi3.jpegchi4.jpegchi5.jpegchi6.jpegchi7.jpegchi8.jpeg

CHICHEN SHACK: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2010-04-15T23:03:00+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento