CHRIS SPEDDING: LA STORIA DEL ROCK

Di Sheffield, all’inizio con i Vulcans nel 1950, poi collabora con Alan Price e Paul Jones. Nel 1967 forma con Pete Brown i Battere Ornaments. Molto prolifico a partecipare come sessionman in molti gruppi dove è richiesto moltissimo. Musicista cosidetto di confine tra il rock e il jazzblues, esordisce come slista nel 1970, amche se più delle volte preferisce collaborare con gruppi diversi come i Vibrators nel 1978. La sua carriera è costellata di successi, nel periodo del 1980 incide le sue migliori performance. Famosa rimane il suo concerto  a Losanna nel 1989 a fianco di Elliot Murphy e Garland Jeffreys. Nelgi ultimi anni, abbandonando un po’ la musica si dedica al giornalismo di una rivista musicale. In ultima esce una cover dell’autore nel 2002.

Albums

* Our Point of View for Frank Ricotti Quartet, CBS (1969)
* Songs Without Words (Japan) Toshiba EMI (1970)
* Nilsson Schmilsson (1971) and Son of Schmilsson (1972) for Harry Nilsson, RCA Victor
* Backwood Progression (UK) Harvest (1971)
* Only Lick I Know (UK) Harvest (1972) – engineered by Alan Parsons at Abbey Road Studios
* Chris Spedding (UK) RAK (1975) – produced by Mickie Most
* Hurt (UK) RAK (1977) – produced by Chris Thomas includes “Hurt By Love”
* Guitar Graffiti (UK) RAK (1978)
* I’m Not Like Everybody Else (UK) RAK (1980)
* Friday the 13th (U.S.) Passport (1981)
* Enemy Within (France) New Rose (1986)
* Cafe Days (France) New Rose (1990)
* Just Plug Him In! (France) New Rose (1991)
* Gesundheit! (France) Versailles/Sony (1995)
* One Step Ahead Of The Blues (Belgium) Music Avenue (2002)
* Click Clack (Germany) SPV GmbH (2005)
* It’s Now Or Never (U.S.) Ryko (2007

Singles

* “Motor Bikin'” (1975)

sp1.jpegsp2.jpegsp3.jpegsp4.jpegsp5.jpeg

CHRIS SPEDDING: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2010-05-04T23:48:00+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento