SOCIAL DISTORTION: LA STORIA DEL ROCK

Nati nel 1978 a Fullerton in California, si fanno conoscere con delle cover suonate nei locali di zona e nel 1983 esce il primo album. Un ottimo disco di energia pura punk con influenze rock’n roll. Dopo un silenzio di qualche anni, causa problemi giudiziari dei uno dei componenti della band Mike Ness, tornano nel 1988 con Prison Bound, in riferimento alle disavventure di Mike. Originalità nella loro musica punk con un suono che assume altre pecularità con evidenti collegamenti alla musica di Ennio Moricone. Nel 1990 la band si evolve musicalmente, passando su ballate, sempre in chiave punk, con testi impegnati di problemi sociali. Nel frattempo arriva un nuovo batterista Chuck Biscuits ex D.O.A. e Mike Ness si cimenta come solista con un discreto successo. La morte improvvisa per un aneurisma cerebrale di Dennis Danell, chitarrista e basso della band, mette fine alla esistenza del gruppo. Tuttavia uscirà ancora un album in studio del 2004Sex love and rock’n roll.


Componenti

* Mike Ness – voce e chitarra (1978 – oggi)

* Jonny Wickersham – chitarra (2000 – oggi)

* Brent Harding – basso elettrico (2004 – oggi)

* David Hidalgo, Jr. – batteria (2010 – oggi)

Ex-Componenti

* Charlie Quintana – batteria (2000 – 2009)

* Atom Willard – batteria (2009 – 2010)

* Scott Reeder – batteria (2010)

Discografia

* 1983 – Mommy’s Little Monster

* 1988 – Prison Bound

* 1990 – Social Distortion

* 1992 – Somewhere Between Heaven and Hell

* 1996 – White Light, White Heat, White Trash

* 2004 – Sex, Love and Rock’N’Roll

* 2010 – Hard Times and Nursery Rhymes

Album live

* 1998 – Live at the Roxy

Raccolte

* 1995 – Mainliner: Wreckage from the Past

* 2007 – Greatest Hits

DVD

* 2004 – Live in Orange County

Album solisti di Mike Ness

* 1999 – Cheating at Solitaire

* 1999 – Under the Influences

soc1.jpegsoc2.jpegsoc3.jpegsoc4.jpegsoc5.jpegsoc6.jpegsoc7.jpegsoc8.jpeg

 

SOCIAL DISTORTION: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2010-09-13T09:54:12+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento