CAN: LA STORIA DEL ROCK

Formazione tedesca di Colonia, nata nel 1968, singolare è il loro centro di incisione che si trova nel castello di Schloss Novernich. Fondano anche una propria etichetta “Music Factory”. Nella loro carriera si guadagnano ottimi consensi sia di pubblico e critica, ma anche commercialmente. Il loro stile si avvicina un po’ ai Velvet Underground con lunghi brani quasi ipnotici, il miglior successo è Landed. Intanto alcuni cambiamenti di formazione avvengono con il giapponese Suzuki al posto di Malcolm Mooney che finirà in un ospedale psichiatrico di New York per un po’ di tempo. Anche Suzuki, dopo una conversione ai Testimoni diGeova, se ne va e arrivano Rosko Gee e Reebop ex Traffic, indirizzando la band in versione musicale dai ritmi funk. Dal 1986 i Can non esistono più, i vari elementi continueranno da solsti, tra cui

Liebezeit colabora con Brian Eno.


Discografia

* Monster Movie (Liberty, 1969)

* Soundtracks (Liberty, 1970)

* Tago Mago (United Artists, 1971)

* Ege Bamyasi (United Artists, 1972)

* Future Days (United Artists, 1973)

* Soon Over Babaluma (United Artists, 1974)

* Landed (Virgin, UK/ Harvest, Germania, 1975)

* Flow Motion (Virgin, UK/ Harvest, Germania, 1976)

* Saw Delight (Virgin, UK/ Harvest, Germania, 1977)

* Out of Reach (Harvest, 1978)

* Can (Harvest, 1979)

* Inner Space (Peters International, 1979)

* Rite Time (Mercury, 1989)

Singoli

* Kama Sutra/Melting Away (Liberty, 1969)

* Soul Desert/Deadlock (Liberty, 1970)

* Turtles Have Short Legs/Halleluwah (Liberty, 1971)

* Spoon/Shikaro Maru Ten (United Artists, 1972)

* Moonshake/Splash (United Artists, 1973)

* Dizzy Dizzy/Come Sta La Luna (United Artists, 1974)

* I Want More/..and More (Virgin Records, 1976)

* Silent Night/Cascade Waltz (Virgin Records, 1976)

* Don’t Say No/September (Virgin Records, 1977)

* Can-Can/Aspectacle (Harvest, 1979)

Raccolte

* Limited Edition (United Artists, 1974) – raccolta di rarità 1968-1974

* Unlimited Edition (Virgin, UK/ Harvest, Germania, 1976) – raccolta di rarità 1968-1975

* Delay 1968 (Spoon, 1981) – raccolta di rarità e outtake 1968-1969

* Peel Sessions (Strange Fruit, 1995) – compilation di Peel Sessions 1973-1976

* Radio Waves (Sonic Platten, 1997) – raccolta di rarità e registrazioni dal vivo 1969-1972

* Live (Spoon, 1999) – raccolta di registrazioni dal vivo 1972-1977 (originariamente inclusa con il Can Box cofanetto cd/video/book)

Compilation

* Opener (Sunset, 1976) – compilation 1972-1974

* Cannibalisms (United Artists, 1978) – compilation 1969-1974

* Incandenscence (Virgin Records, 1983) – compilation 1969-1977

* Cannibalism 2 (Spoon, 1992) – compilation 1974-1981

* Anthology (Spoon, 1993) – compilation 1968-1991 (anche da colonne sonore)

* Cannibalism 3 (Spoon, 1993) – compilation di materiale solista 1979-1991

Bootleg

* Prehistoric Future, Paris 1968

* Mother Sky Berlin, Waldbühne 1971

* University Of Essex, Colchester, UK 8-5-72

* Horror Trip in the Paper House Köln 03.02.72

* Live at Paris Olympia, France 1973

* Live at Sussex University, Brighton, November 1975

* Live at Stuttgart 31.10.1975

* Live at Hannover 4.11.1976

* London und Grenoble Live 1976

Film video

* (1972) Free Concert

* (1998) The Can Documentary

* (1999) The Can Box (cofanetto che include: Can Documentary, Free Concert, due CD dal vivo ed un libro)

* (2004) The Can DVD (2 DVD ed 1 CD)

ca1.jpegca2.jpegca3.jpegca4.jpegca5.jpegca6.jpegca7.jpegca8.jpegca9.jpegca10.jpegca11.jpegca12.jpeg

 

CAN: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2010-10-26T00:05:29+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento