RUNAWAYS: LA STORIA DEL ROCK

Formazione tutta femminile, laprima nel mondo dell’hard rock. Ideata da Kim Fowley, personaggio underground, produttore di Los Angeles, che incontra Kari Krome, allora giovane scrittrice di novelle e canzoni a sfondo sessuale,proponendogli di formare un gruppo musicale. La band inizia come trio e subito la Steele lascia per andare poi con le Bangles, arrivano Lita Ford e Cherie Currie, poi si aggiungerà Jakie Fox. Currie si esibisce in modo provocante, nei concerti dal vivo è il tutto esaurito, così facendo riesocono a nascondere le lacune tecniche musicali che il gruppo detiene, In tournee in Giappone vanno molto forte, ottenendo tre dischi d’oro. Al ritorno la giapponese Fox viene cacciata dalla band, sostituita dalla bassista Vicki Blue. Anche la Currie abbandona per dedicarsi prima al cinema poi come solista. Il gruppo subisce continue rinnovamenti di elementi e alla fine si scioglie nel 1979.

Formazione 

* Joan Jett (Joan Larkin) – chitarra, voce (1975-79), basso (1977) (1975-79)
* Lita Ford (Carmelita Rossanna Ford) – chitarra solista, voce (1975-79)
* Laurie McAllister – basso (1979)
* Sandy West (Sandy Pesavento) – batteria (1975-79) (R.I.P.)

Ex componenti 

* Micky Steele (Sue Thomas) – basso (1975)
* Peggy Foster – basso (1975)
* Jackie Fox (Jacqueline Fuchs) – basso (1975-77)
* Vicki Blue (Victory Tischler Blue) – basso (1977-79)
* Cherie Currie – voce (1975-77)

Discografia 

* 1976 – The Runaways
* 1977 – Queens of Noise
* 1977 – Waitin’ for the Night

Live 

* 1977 – Live in Japan

Raccolte 

* 1978 – And Now… The Runaways
* 1980 – Flaming Schoolgirls
* 1982 – The Best Of The Runaways
* 1991 – Neon Angels
* 1993 – Born to Be Bad
* 2005 – 20th Century Masters – The Millennium Collection: The Best of the Runaways
* 2008 – Japanese Singles Collection
* 2008 – The Runaways/Queens of Noise
r1.jpegr2.jpegr3.jpegr4.jpegr5.jpegr6.jpegr7.jpegr8.jpegr9.jpegr10.jpeg

RUNAWAYS: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2011-01-25T00:05:00+01:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento