CULTURE CLUB: LA STORIA DEL ROCK

Il fondatore della band è George O’Dowd in arte Boy George. Dopo una prima esperienza nei Sex Gang Childrene inserendo poi il chitarrista John Suede, formerà definitivamente i Culture Club. Ilsuccesso arriva con Do you really want hurt me. La musioca è una semplice popcon influenze reggae. Dopo una disavventura giudiziaria, a causa della morte di un suo amico per overdose trovato nel suo alloggio, George lascia la band per continuare come solista. La popolarità non è più come prima,, solo in occsione della reunion con i Culture Club, si ha una breve performance di successi, poi negli ultimi tempi non si hanno più proposte musicali da essi.

 

 La formazione:

 

    * Boy George (voce)

    * Mikey Graig (basso)

    * Roy Hay (chitarre e tastiere)

    * Jon Moss (batteria e percussioni)

 

 

Discografia 

 

    * 1982 – Kissing to Be Clever

    * 1983 – Colour by Numbers

    * 1984 – Waking Up with the House on Fire

    * 1986 – From Luxury to Heartache

    * 1999 – Don’t Mind If I Do

 

Raccolte 

 

    * 1987 – This Time – The First Four Years

    * 1989 – The Best of Culture Club (ristampata periodicamente con copertina sempre diversa e tracklisting identica – contiene solo tracce dai primi 3 album)

    * 1991 – Culture Club Collect – 12″ Mixes Plus/Culture Club Remix Collection

    * 1992 – Spin Dazzle – The Best of Boy George and Culture Club

    * 1993 – At Worst… The Best of Boy George and Culture Club

    * 1998 – Greatest Moments – VH1 Storytellers Live (doppio album: raccolta studio – concerto live)

    * 2002 – Culture Club – Box Set (cofanetto 4 CD con grandi successi, lati B, brani minori, remix e 20 inediti)

    * 2005 – Culture Club Greatest Hits

    * 2005 – Culture Club 2005 – Singles and Remixes

 

Singoli 

 

da Kissing to Be Clever (1982)

 

    * “White Boy”

    * “I’m Afraid of Me”

    * “Do You Really Want to Hurt Me”

    * “Time (Clock of the Heart)” (solo su edizione USA e ristampa rimasterizzata in CD di Kissing to Be Clever, del 2003)

    * “I’ll Tumble 4 Ya” (1983 – non pubblicato come singolo in UK)

 

da Colour by Numbers (1983)

 

    * “Church of the Poison Mind”

    * “Mystery Boy”[1] (lato B del maxi singolo di “Church of the Poison Mind”; attualmente, compare come una delle bonus tracks sulla ristampa rimasterizzata in CD di Colour by Numbers, del 2003)

    * “Karma Chameleon”

    * “Victims”

    * “It’s a Miracle” (1984)

    * “Miss me Blind” (1984 – non pubblicato come singolo in UK)

 

da Waking Up with the House on Fire (1984)

 

    * “The War Song”

    * “The Medal Song”

    * “Don’t Go Down That Street”[2] (lato B di “The Medal Song”; attualmente, compare come una delle bonus tracks sulla ristampa rimasterizzata in CD di Waking Up with the House on Fire, del 2003)

    * “Mistake No. 3” (non pubblicato come singolo in UK)

    * “Love Is Love”[3] (1985 – lato B di “Mistake No. 3”; attualmente, compare come una delle bonus tracks sulla ristampa rimasterizzata in CD di Waking Up with the House on Fire, del 2003)

 

da From Luxury to Heartache (1986)

 

    * “Move Away”

    * “God Thank You Woman”

    * “Gusto Blusto” (non pubblicato come singolo in UK)

 

da Greatest Moments – VH1 Storytellers Live (1998)

 

    * “I Just Wanna Be Loved” (remixata e con un’intro parlata in più, ricompare su Don’t Mind If I Do del 1999)

 

da Don’t Mind If I Do (1999)

 

    * “Your Kisses Are Charity” (la versione in duetto con Dolly Parton compare come lato B di “Cold Shoulder”/”Starman”)

    * “Cold Shoulder”/”Starman” (singolo doppio lato A)

culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,culture club,la storia del rock,discografia dei culture club,formazione dei culture club,recensioni musicali dei culture club,video clip dei culture club,musica dei culture club,immagini discografiche dei culture club,rockmania,

CULTURE CLUB: LA STORIA DEL ROCKultima modifica: 2012-04-07T21:14:15+02:00da francof55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento